Adriano Gallina

AdrianoMi chiamo Adriano Gallina. Sono nato a Varese il 1 febbraio 1963 e vivo qui da sempre. Ho conseguito il diploma di Maturità Classica al Liceo Cairoli e, successivamente, la Laurea in Filosofia alla Statale di Milano, con una tesi ad indirizzo epistemologico in Psicologia Sociale dell’organizzazione (Gioco ed organizzazione. Riflessioni sull’interazione strategica all’interno dell’organizzazione formale).

A metà degli anni ’80 ho collaborato con l’organizzazione di servizi per lo spettacolo Emmecinque s.r.l. di Milano. In quest’ambito, ho fatto parte dello staff organizzativo della I edizione del Festival Internazionale di Chieri e, successivamente, mi sono occupato della segreteria organizzativa e della promozione nazionale di alcune compagnie fiamminghe di Teatro Danza (Bonté-Mossoux, Plan-K).

In seguito, per cinque anni, sono stato responsabile organizzativo del Teatro Città Murata di Como, occupandomi della distribuzione nazionale delle produzioni della compagnia, della sua rappresentanza istituzionale in sede AGIS ed in generale delle sue relazioni esterne. Ho avviato inoltre, nel 1996/1997, la prima stagione di Prosa di Lanzo d’Intelvi (CO) presso il PalaLanzo.

Nel 1997 mi dedico alla libera professione, costituendo a Varese il Centro Servizi Teatrali, finché – nel 2000 – vengo chiamato alla responsabilità della promozione per il Festival “Segnali” – storica vetrina del Teatro Ragazzi lombardo promossa dalla Regione Lombardia e coordinata dal Teatro del Buratto e da Elsinor – di cui successivamente, dal 2001 sino al 2006, curo la direzione organizzativa.

Nel maggio 2001 entro a far parte della Direzione del Teatro del Buratto di Milano (Teatro Stabile di Innovazione riconosciuto dal Ministero dei Beni Culturali) per cui ho curato, dal 2001 al 2007, la direzione artistica del Teatro Verdi di Milano, importante snodo del teatro di ricerca italiano. Per il Teatro del Buratto ho ricoperto in questi anni il ruolo di responsabile delle relazioni istituzionali (Regione Lombardia, Comune e Provincia di Milano, AGIS lombarda e nazionale, ETI).

Dall’a.a. 2004/2005 sono Docente di “Economia e Management dello spettacolo dal vivo” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, nell’ambito del corso di laurea specialistica interfacoltà Lettere/Economia in “Gestione dei Beni Culturali e dello spettacolo”.

Nel giugno 2005 vengo nominato direttore generale della Fondazione Culturale “1860 Gallarate Città”, incarico che ho ricoperto fino a luglio 2011. In quest’ambito ho curato la direzione artistica del Teatro Condominio Vittorio Gassman e del Teatro del Popolo nonché del Festival Via Paal. Lo spettacolo dei bambini, giunto alla sua VI edizione. Sempre in qualità di direttore della Fondazione Culturale di Gallarate sono stato inoltre ideatore e coordinatore della rete territoriale Sipari Uniti, finanziata dalla Fondazione Cariplo e che ha riunito per un biennio dodici realtà teatrali della Provincia di Varese nel quadro di un progetto integrato di programmazione nell’area del teatro d’innovazione e del Teatro Ragazzi.

Nel 2005, con l’Università Cattolica di Milano, ha curato la direzione artistica ed organizzativa della lettura integrale dal vivo dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni in venti appuntamenti, da cui è scaturito il volume Questo matrimonio non s’ha da fare, pubblicato da Vita e Pensiero e corredato da CD (tra gli interpreti: Giuseppe Cederna, Ottavia Piccolo, Pamela Villoresi, Renato Sarti, Luciano Roman).

L’iniziativa è poi proseguita, nel 2006, con la lettura integrale dal vivo delle Confessioni di Sant’Agostino, da cui è scaturita la pubblicazione Nutre la mente solo ciò che la rallegra, corredata da CD ed edita sempre da Vita e Pensiero (tra gli interpreti: Gerard Depardieu, Alessandro Preziosi, Renato Carpentieri).

In questi anni ho ricoperto numerosi e differenti incarichi istituzionali: dal 1998 al 2000 sono stato responsabile regionale del Coordinamento del Teatro Ragazzi lombardo nato in ambito AGIS e dal 2003 al 2007 membro del Direttivo Nazionale AGIS/Teatri d’arte Contemporanea. Nello stesso periodo ho inoltre fatto parte della commissione nazionale congiunta Ente Teatrale Italiano/Teatri d’Arte Contemporanea per il Teatro Ragazzi.

Sul piano accademico e della ricerca, i miei interessi sono particolarmente orientati all’analisi delle forme economiche ed organizzative del teatro d’innovazione italiano e del teatro per l’infanzia e la gioventù. In quest’ambito ho pubblicato diversi saggi e contributi:

  • Il caso Lombardia. Giù al Nord (con lo pseudonimo di Maria Guerrini) in “Hystrio”, anno XVII, n. 1-2004.
  • Semi di cooperazione, Relazione al convegno “Le Buone Pratiche del Teatro 2004, Milano“, pubblicato in “ateatro. Webzine di cultura teatrale” (www.ateatro.it), 74, 2004

Altri scritti e saggi nel mio blog http://adriano-gallina.blogspot.com/

FacebookTwitterGoogle+Condividi